Chiesa di San Vito Martire (Bogno, Besozzo)

Diocesi di Milano - chiesa parrocchiale - Lombardia

Besozzo - Via Piave 44 - VA - 21023

0332/770333

Approfondimenti su BeWeb

XI – Secondo la cronaca di Luigi Brambilla, Bogno “nel 1040 aveva un castello che il conte Guilberto vendette al capitolo di Brebbia. Nel 1146 già esisteva la chiesa parrocchiale”. Un elenco dei luoghi sacri della diocesi di Milano (‘Liber Notitiae’, cit.), degli esordi del XIV sec., permette di ricostruire un quadro abbastanza esaustivo dell’articolazione spirituale della località: “memoria […] sancti romani episcopi […] loco bonio. altare sancti viti cum sancto romano”; “bonio altare sancti viti in ecclesia sancte marie”. La chiesa, dunque, era allora già articolata attorno a un rito principale (a Maria) e al non secondario culto di san Vito, destinato a prevalere come identitario nel percorso di autonomia parrocchiale intrapreso nei secoli seguenti. Attorno al 1398, infatti, la “capella” era intitolata a “S. Vitti” ed era già dotata di redditi. La parrocchia, creata solo tra il 1581 e il 1596, fu prima posta sotto la protezione dei Santi Vito e Modesto, quindi, del solo San Vito martire.
XVII – La chiesa descritta negli atti delle visite pastorali del XVI sec. possedeva un campanile, una cappella laterale dedicata a san Romano (secondo le più antiche attestazioni) e un battistero. Su questo organismo furono compiuti importanti lavori, il cui esito fu rivelato una prima volta nel 1748: la navata unica era stata coperta con volte ed erano stati creati due nuovi altari laterali, uno dedicato al Rosario e l’altro a san Giuseppe, che, alla metà del XVIII sec., risultava di recente costruzione.
1833 – L’invaso antico fu profondamente trasformato tra il 1833 e il 1850 con opere di ribassamento del piano di pavimento (di ben 5 metri al fine di ottenere una maggiore altezza interna), di ricostruzione dell’abside, di ampliamento di una campata e di abbellimento interno con nuove lesene e cornici. I lavori culminarono nella posa dell’altare maggiore (di fatto un classicheggiante tempietto innalzato sopra i gradini dell’altare precedente, di fattura settecentesca e opera di una bottega di Viggiù ancora anonima) e di un nuovo pulpito.
1857 – La facciata, rimasta al rustico per l’ampliamento di una campata della chiesa, fu riformata secondo un modello tardo neoclassico redatto dall’ingegnere Galiano Garavaglia, in quegli anni coinvolto nel cantiere per il completamento della facciata della prepositurale dei Santi Alessandro e Tiburzio di Besozzo.
1940 – Nel 1941 il parroco inoltrò all’ufficio d’Arte Sacra della Diocesi di Milano il progetto dell’architetto Ugo Zanchetta per il riordino della cappella della Beata Vergine nella chiesa parrocchiale. Ne rimane documentazione (una cartolina e un disegno) nell’Archivio Diocesano di Milano (ASDMi, Arte Sacra, cart. 27, 1941, prat. 10/41). L’anno precedente, forse per mano dello stesso progettista, era stata installata la mensa dell’altare maggiore (non ancora rivolta al popolo). Nel 1945, infine, fu costruito un ripostiglio a fianco dell’altare.
1993 – L’area dell’altare maggiore fu riformata per adeguamento ai canoni conciliari nel 1993: eliminazione balaustra di separazione coi fedeli; riconfigurazione della piattaforma rialzata del presbiterio; posa di mensa centrale sostenuta su balaustri di marmo di recupero. L’opera completava un generale intervento sulla chiesa, con posa di nuovo pavimento e restauro conservativo delle superfici intonacate esterne e interne.

Nei dintorni

Besozzo - Via S.Carlo - VA - 21023
Besozzo - Via Rebuschini - VA - 21023
Cocquio-Trevisago - Via Intelo - VA - 21034
Sangiano - Via Giovanni XXIII, 1 - VA - 21038
Chiesa di San Carlo (Cardana, Besozzo)
Besozzo - Via S.Carlo - VA - 21023
Chiesa di San Brizio (Olginasio, Besozzo)
Besozzo - Via Rebuschini - VA - 21023
Chiesa di Sant’Antonio (Sant’Andrea, Cocquio-Trevisago)
Cocquio-Trevisago - Via Intelo - VA - 21034
Chiesa di Sant’Andrea Apostolo (Sangiano)
Sangiano - Via Giovanni XXIII, 1 - VA - 21038