Chiesa di San Carlo Vescovo (Malgrate)

Diocesi di Milano - chiesa parrocchiale - Lombardia

Malgrate - Via Roma, 10 - LC - 23864

0341/367455

Le informazioni riportate, in tutto o in parte, sono riprese da BeWeb, la banca dati dell’Ufficio Nazionale per i beni culturali ecclesiastici e l’edilizia di culto della CEI , implementata dalle diocesi e dagli istituti culturali che hanno concluso il rilevamento e la descrizione del patrimonio sul proprio territorio. Quanto pubblicato è da intendersi work in progress e pertanto non esente da eventuali suggerimenti per essere migliorato e reso più efficace.

XVIII – Il grande palazzo Recalcati appare ancora oggi con un’aspetto seicentesco. Si dispone secondo una pianta a U sopra una corte che un tempo era chiusa verso occidente da una cortina di case rustiche, abitate dai coloni della nobile famiglia. Sostanziali modifiche furono portate sia alla facciata del palazzo sia al cortile interno, mediante la formazione di un atrio porticato a tre fornici e di un monumentale scalone che porta al piano nobile.
XIX – Rovesci finanziari colpirono intorno al 1890 la nobile famiglia Testori De Capitani e la proprietà di Malgrate fu messa all’asta. Pervenne nel 1894 un facoltoso commerciante di Olginate, Felice Figini, che fu poi sindaco di Malgrate. Alla sua morte fu ereditata da una delle tre figlie, Carolina, che aveva sposato un Trabattoni. L’antico palazzo fu successivamente venduto alla curia milanese, mentre in una parte del giardino i Trabattoni edificarono una grande casa a più piani per la loro abitazione. Per molti anni il palazzo non ricevette un’adeguata manutenzione, trasmettendo un senso di abbandono fino agli anni settanta del secolo scorso, quando finalmente si pose mano per un rifacimento della facciata, che assunse un aspetto più decoroso.
1973 – A partire dal 1973 don Eugenio Ronchi venne nominato come coadiutore della parrocchia di San Nicolò con il preciso incarico di occuparsi dei parrocchiani residenti al Porto. Ci fu subito un problema da affrontare e risolvere, quello del luogo di culto. La chiesetta dedicata a San Carlo era infatti ancora privata e, secondo la consuetudine, veniva concessa solo per la celebrazione della messa festiva. Bisognava trovare un’alternativa, non solo per i giorni feriali ma anche per quelli festivi. La soluzione venne trovata in un negozio.
La famiglia Monti mise a disposizione i locali annessi alla macelleria. La prima messa fu celebrata la notte di Natale del 1973. I ragazzi del Porto, ormai sposati e con figli, manifestarono la necessità di avere una parrocchia al Porto con un oratorio come punto di aggregazione dei tanti bambini presenti nel nuovo quartiere.

Nei dintorni

Lecco - Piazza P. Cristoforo, 7 - LC - 23900
Lecco - Via Giovanni Amendola - LC - 23900
Piazza Antichi Padri, Civate LC, Italia
via Nazario Sauro, 5 - Civate LC
Via Privata del Pozzo, 23862 Civate, LC, Italia
Chiesa di San Gregorio (Pescarenico, Lecco)
Lecco - Piazza P. Cristoforo, 7 - LC - 23900
Chiesetta del Caleotto (Lecco)
Lecco - Via Giovanni Amendola - LC - 23900
Casa del Pellegrino (Civate)
Piazza Antichi Padri, Civate LC, Italia
Basilica e Monastero di San Calocero (Civate)
via Nazario Sauro, 5 - Civate LC
Abbazia di San Pietro al Monte (Civate)
Via Privata del Pozzo, 23862 Civate, LC, Italia