Chiesa dei Santi Gervasio e Protasio (Vercurago)

Diocesi di Bergamo - chiesa parrocchiale - Lombardia

Vercurago - LC - 23808

0341/420472

Le informazioni riportate, in tutto o in parte, sono riprese da BeWeb, la banca dati dell’Ufficio Nazionale per i beni culturali ecclesiastici e l’edilizia di culto della CEI , implementata dalle diocesi e dagli istituti culturali che hanno concluso il rilevamento e la descrizione del patrimonio sul proprio territorio. Quanto pubblicato è da intendersi work in progress e pertanto non esente da eventuali suggerimenti per essere migliorato e reso più efficace.

816 – una prima notizia di una chiesa dedicata ai Santi Gervasio e Protasio risale al IX secolo
1550 – rifabbricata, viene consacrata nelle forme tipiche del targo gotico a capanna e tre archi traversi
1566 – all’epoca della visita di San Carlo Borromeo, Vercurago risultava una delle sei “curae” della pieve in territorio bergamasco
1750 – verso la metà del settecento la chiesa viene completamente ricostruita
1760 – viene posato l’altare maggiore, proveniente dalla chiesa di S. Caterina in città
1830 – l’autorità pontificia, con atto del 13 novembre, autorizzava la procedura di passaggio della parrocchia dei “Santi Gervasio e Protasio” di Vercurago dalla pieve milanese di Olginate, della diocesi di Milano alla diocesi di Bergamo
1831 – il campanile, diviso in tre piani e con cella a lesene lisce, viene prima rialzato e poi restaurato
1842 – viene realizzato il protiro d’ingresso interamente in granito
1857 – la chiesa viene consacrata il 20 settembre, per mano del vescovo Pier Luigi Speranza, che le conservò l’antico titolo dei Santi Gervasio e Protasio martiri
1953 – tutto l’interno viene ripulito e rinnovato nelle tinte e negli ori dal decoratore Giovanni Dossena
1972 – la ditta Marmi Comana, rinnova il pavimento con l’impiego di marmo Botticino, di occhialino e di arabescato orobico e realizza il nuovo altare comunitario che viene consacrato dal vescovo Clemente Gaddi, riponendo le reliquie dei santi Gervasio, Protasio, Alessandro, Giovanni vescovo di Bergamo
1986 – viene rivestita la porta maggiore con lastre di rame sbalzato, opera dello scultore Claudio Nani
1987 – la chiesa è sottoposta esternamente ad un generale intervento di restauro
2012 – vengono restaurati i prospetti esterni ed il protiro, inoltre viene sostituito il manto copertura del protiro ed eseguito l’ adeguamento dell’impianto elettrico e di illuminazione

Nei dintorni

Lecco - Piazza P. Cristoforo, 7 - LC - 23900
Lecco - Via Giovanni Amendola - LC - 23900
Strada Privata del Molinatto, 15, Oggiono, LC, Italia
Torre Dè Busi - LC - 23806
Chiesa di San Gregorio (Pescarenico, Lecco)
Lecco - Piazza P. Cristoforo, 7 - LC - 23900
Chiesetta del Caleotto (Lecco)
Lecco - Via Giovanni Amendola - LC - 23900
Chiesa di Santa Marzia (Oggiono)
Strada Privata del Molinatto, 15, Oggiono, LC, Italia
Chiesa di Santo Stefano (Torre Dè Busi)
Torre Dè Busi - LC - 23806