Chiesa di Santa Maria della Neve (Cislago)

Diocesi di Milano - chiesa sussidiaria - Lombardia

Cislago - Via Magenta/Via S.Maria - VA - 21040

02/96380242

Approfondimenti su BeWeb

XIII – La chiesa è citata nel “Liber Notitiae Sanctorum Mediolani”, il primo e più completo repertorio dei luoghi di culto ambrosiani compilato da Goffredo da Bussero tra la fine del XIII sec. ed i primi anni del XIV.
Le fonti del XV sec. attestano un edificio religioso legato alla “Scuola di Santa Maria del territorio del luogo di Cislago”, confraternita laica responsabile della manutenzione e del decoro della chiesa, che aveva anche il diritto di eleggere il cappellano.
XV – Tra il XV ed il XVI sec. l’edificio fu interessato da un intervento di modifiche riguardanti l’aula, con sette nicchie semicircolari lungo le pareti, ricavate in spessore di muro. Il programma di rinnovamento comprese l’apparato decorativo, realizzato prevalentemente entro il 1525, come indicano alcune date visibili sugli affreschi.
XVI – Una successiva fase di rinnovamento della chiesa ebbe luogo tra la fine del XVI sec. e l’inizio del XVII: fu costruito un presbiterio a pianta quadrilatera, in sostituzione del precedente, affiancato da una nuova sacrestia sul lato sud. I relativi lavori infatti risultano eseguiti prevalentemente tra il 1597 ed il 1603, la decorazione ad affresco risale al 1618-1619. L’altare ligneo è anch’esso databile all’inizio del XVII sec.. La costruzione del nuovo presbiterio comportò rimaneggiamenti al soffitto della chiesa.
XVIII – All’inizio del XVIII sec. l’edificio fu danneggiato da un incendio, ed in seguito fu sistemata la copertura e fu posato il pavimento dell’aula in pietra di Saltrio (1704). Importanti modifiche ebbero luogo nel 1731, con l’abbattimento di due nicchie laterali sul lato nord per costruire la cappella di S. Antonio da Padova e per trasferire l’affresco della Madonna del Parto in una posizione più consona all’intensa devozione di cui era oggetto. L’intervento comportò anche la perdita quasi totale degli altri dipinti nelle due nicchie interessate, ad eccezione del suddetto affresco che fu trasportato a massello nel presbiterio, dove fu posto al centro dell’altare maggiore, inserito in una cornice.
XIX – Con le soppressioni religiose dell’inizio del XIX sec. anche la confraternita di S.Maria fu ufficialmente sciolta nel 1806, dando origine ad un periodo di decadenza, durante il quale la chiesa e gli edifici adiacenti furono utilizzati persino come luogo di ricovero per ammalati (1836). Al 1842 risale un intervento di restauro generale della chiesa a cura della famiglia Castelbarco, comprensivo di ridipintura degli interni, che in gran parte nascose la decorazione pittorica cinquecentesca.
1973 – Rifacimento della copertura a seguito di un improvviso crollo nel 1973
1992 – Manutenzione della copertura con completamento della rete di raccolta e smaltimento acque meteoriche
2000 – Effettuazione di una importante campagna di restauri, suddivisa in tre lotti, nel periodo 2000-2008.
Il I lotto ha riguardato gli affreschi del presbiterio ed il consolidamento della volta, il II ha interessato la Cappella di S. Antonio e le formelle dell’altare maggiore, il III lotto ha compreso tutte le superfici interne della navata, riportando in luce i numerosi affreschi che erano stati coperti nel XIX sec..
Un ulteriore intervento ha riguardato le superfici esterne (2010).

Nei dintorni

Turate - Piazza Chiesa 4 - CO - 22078
Turate - Via S.Maria 1 - CO - 22078
Gerenzano - Via S.Giacomo - VA - 21040
Gorla Minore - Piazza S.Lorenzo - VA - 21055
Chiesa dei Santi Apostoli Pietro e Paolo (Turate)
Turate - Piazza Chiesa 4 - CO - 22078
Chiesa di Santa Maria in Campagna (Turate)
Turate - Via S.Maria 1 - CO - 22078
Chiesa di San Giacomo Maggiore (Gerenzano)
Gerenzano - Via S.Giacomo - VA - 21040
Chiesa del Santo Crocifisso (Gorla Minore)
Gorla Minore - Piazza S.Lorenzo - VA - 21055