Chiesa di San Lorenzo Diacono Martire (Brescia)

Diocesi di Brescia - chiesa parrocchiale - Lombardia

Brescia - Via Moretto 55 - BS - 25100

030/3757350

Approfondimenti su BeWeb

V – In un catalogo di vescovi bresciani di quell’epoca indica “ad sanctum laurentinum” la sepoltura del vescovo San Ottaziano, a capo della diocesi cittadina intorno alla metà del V secolo. Dato che al tempo era tradizione seppellire i vescovi all’interno delle chiese da essi fondate è accreditata l’ipotesi che la chiesa abbia origini paleocristiane. I resti del vescovo, esistono ancora oggi, racchiusi in un’arca marmorea sotto l’altare maggiore insieme a quelli di san Vigilio.
XI – I primi documenti che parlano della chiesa, di impianto medioevale a tre navate, risalgono all’XI secolo, segnalandola nell’ubicazione in cui si trova tuttora, che, al tempo, risultava essere fuori dalle mura cittadine.

XVI – Dall’inizio del Cinquecento vengono commissionati a diversi artisti molti altri interventi nella chiesa dando lustro al Cinquecento laurenziano, fra i quali il Romanino, ma anche Callisto Piazza, Lattanzio Gambara, Pietro Marone e Prospero Rabaglio.
1538 – Nell’andito di accesso della porta laterale destra è conservato parte del mausoleo fatto erigere nel 1538 dal prevosto Alessandro Averoldi per contenere le spoglie del parente Bartolomeo Averoldi, vescovo di Calamona nell’isola di Candia, in precedenza generale degli Umiliati. Il sarcofago, anticamente posto nella terza cappella di destra della chiesa medioevale, raffigura il vescovo, vestito con gli abiti liturgici, addormentato su un fianco, con testa puntellata sul braccio destro e un libro aperto debolmente retto da quello sinistro.
XVII – Nel Seicento, con la diffusione del culto di San Carlo Borromeo, la chiesa si arricchisce di un altare a lui dedicato, decorato da una pala di Francesco Giugno.
1602 – Nel 1602 viene soppresso l’Ordine degli Umiliati, che amministrava la parrocchia, con una bolla di Papa Pio V e la proprietà passa alle Monache Agostiniane.
1751 – Domenica 7 marzo 1751,si riunisce la “General Vicinia”, istituzione di antica storia civile, rappresentativa della volontà degli abitanti del quartiere, per decidere la sorte della chiesa, ormai pericolante. Il pavimento era sconnesso in più punti, l’umidità era consistente a causa del torrente Garza che scorreva poco lontano e il tetto necessitava di urgenti riparazioni. A capo della riunione è il prevosto Giovanni Pietro Dolfin. È inoltre dichiarato esplicitamente dai parrocchiani il singolo impegno di contribuire all’impresa: i motivi a supporto sono di carattere spirituale, ma ne andava anche del prestigio del quartiere. L’incarico del progetto è dato all’architetto Domenico Corbellini.
1761 – Il cantiere ebbe termine nel 1761 ma con code fino alla consacrazione del 1763, non si ebbero più interventi rilevanti nei secoli successivi, tranne piccole modifiche, soprattutto abbellimenti, agli altari interni e dal punto di vista delle decorazioni.
2000 – Nel 2000, la cappella del battistero viene restaurata e modificata: il pavimento viene rifatto e si ha l’aggiunta di un altare, mentre l’originale apparato pittorico viene integrato.

Nei dintorni

Brescia - Vicolo due torri 7 - BS - 25100
Brescia - Via Corsica 14/b - BS - 25100
Brescia - Viale Venezia 108 - BS - 25100
Brescia - Via Milano 32 - BS - 25100
Brescia - Via Claudio Botta 46 - BS - 25100
Chiesa di Santa Maria ad Elisabetta (Brescia)
Brescia - Vicolo due torri 7 - BS - 25100
Chiesa di Santa Maria in Silva (Brescia)
Brescia - Via Corsica 14/b - BS - 25100
Chiesa del Buon Pastore (Brescia)
Brescia - Viale Venezia 108 - BS - 25100
Chiesa del Sacro Cuore (Brescia)
Brescia - Via Milano 32 - BS - 25100
Chiesa del Beato Luigi Palazzolo (Brescia)
Brescia - Via Claudio Botta 46 - BS - 25100