Chiesa dei Santi Faustino e Giovita Martiri (Quinzano d’Oglio)

Diocesi di Brescia - chiesa parrocchiale - Lombardia

Quinzano d'Oglio - via Canonica 11 - BS - 25027

030/9923777

Approfondimenti su BeWeb

XV – Della chiesa si accenna nel catalogo dei benefici ecclesiastici del 1410. Fu ricostruita nel 1427 perché minacciante rovina.
XV – Restauri alla chiesa sono segnalati nel 1438 e alla torre nel 1464. Altri restauri vennero promossi nel 1483.
XV – Nel 1485 venne eretto a spese degli scolari di Giovanni Conti l’altare dedicato a San Nicolò.
XV – Da notizie il Nassino che annota come nel 1496 o 1497 la chiesa a spese del Comune venne ingrandita e “alzata e posta sopra li arconi”. Lo stesso Nassino sottolinea come, per ordine del duca di Calabria, venne rialzata nel 1483 la torre per offrire un punto di osservazione oltre le mura del castello.
XVI – La consacrazione della chiesa ebbe luogo il 2 gennaio 1502. Opere di restauro venivano decise il 10 ottobre 1518.
XVI – Nel 1529 la chiesa venne arricchita di una cappella dedicata a San Pietro martire.
XVI – Gli atti della visita apostolica di San Carlo Borromeo del 29 giugno del 1580 impongono la provvista di un conveniente battistero e lo spostamento dall’altare di San Nicolò del corpo del poeta G. F. Conti. I limitati provvedimenti del visitatore, tranne che per la torre campanaria trovata in rovina, fanno supporre che la chiesa fosse in buone condizioni.
XVII – Dal 1604 al 1607 venne ricostruita la torre campanaria.
XVII – Nel 1623 veniva eretto il nuovo battistero.
XVII – Nel 1669, sotto il parrocchiato di don Giovanni Cappello, fu costruita la navata meridionale della chiesa, alla quale venne aggiunta nel 1671 la navata settentrionale e nel 1682 la sagrestia nuova. Nel 1730 venne aggiunta una nuova campata.
XVIII – Nel 1786 venne venne riparata la parte superiore della torre che era stata distrutta da un incendio, nel 1787 venne provvista di un nuovo concerto di campane.
XVIII – Nel 1752, 1774, 1820 venivano compiuti i lavori di conservazione della facciata.
XIX – Più massicci gli interventi eseguiti tra il 1801 e il 1802 quando vennero rinnovati, con l’intervento oltretutto dell’arch. Carlo Donegani, dello scultore salterio, etc., la soasa dell’altare maggiore, l’altare di San Nicolò e restaurate e indorate cornici, ritinteggiata la chiesa.
XIX – Opere alla facciata vennero compiute nel 1896. Luigi Gamba di Rezzato rifece in marmo di Botticino il basamento in pietra.
XIX – Opere di abbellimento dei finestroni, finestre e vetrata della facciata vennero eseguite tra il 1889 e il 1891. Nel 1891 venne rinnovato il pavimento e costruita la bussola della porta maggiore.
XIX – Nel 1898 venne rifatta la cuspide della torre campanaria, alzandola di due metri e facendola in muratura con la punta di legno e coperta di rame.
XIX – Nel 1829, su disegno dell’ing. Giuseppe Gandaglia, vennero aggiunti nuovi ambienti sul lato orientale della torre, completati solo nel 1928.
XX – Interventi di restauro sono stati eseguiti nel 1998.
XX – Sotto la guida del parroco don Giulio Donati furono eseguite, tra il 1929 e il 1930, le lavorazioni per la decorazione interna della parrocchiale.
XX – Durante gli anni ’50 si compirono lavori di sistemazione del tetto da parte della ditta geom. Battista Cherubini di Calcinato che presentava il consuntivo delle spese il 20 gennaio 1956.
XXI – Tra il 2000 e il 2012 sono stati eseguiti interventi di restauro al campanile e alla chiesa.