Chiesa di San Brizio (Olginasio, Besozzo)

Diocesi di Milano - chiesa parrocchiale - Lombardia

Besozzo - Via Rebuschini - VA - 21023

0332/770404

Approfondimenti su BeWeb

XII – La situazione devozionale della località nel basso medioevo è ben delineata grazie all’elenco dei luoghi sacri della diocesi di Milano noto come ‘Liber Notitiae Sanctorum Mediolani’, redatto agli esordi del XIV sec., che menziona una chiesa intitolata a sant’Antonio “milite” “in loco olcenaxia. plebis brebia”. La continuità del luogo di culto nei secoli sembra attestata dal campanile, di salda origine medievale nonostante le manomissioni (XII sec./XIII sec.); tuttavia, la cappella era destinata a comparire nelle fonti successive con un’intitolazioni ai santi Cosma e Damiano (XVI sec.). Solo nel 1748, durante la vista del card. Giuseppe Pozzobonelli, fu documentata per la prima volta l’invocazione a S. Brizio destinata a perdurare sino ai nostri giorni.
1889 – Nel 1898, nell’ambito della visita dell’arcivescovo Andrea Carlo Ferrari nella pieve e vicariato di Besozzo, fu visitata la chiesa di San Brizio di Olginasio. La chiesa era dotata di un beneficio parrocchiale, che risultava già costituito; il clero era costituito dal parroco che risiedeva nella casa parrocchiale costruita nel 1889 su terreni donati dall’allora sindaco della comunità. I parrocchiani erano 690, compresi gli abitanti della frazione di Ronco; nella chiesa parrocchiale erano state erette la confraternita del Santissimo Sacramento, il consorzio femminile del Santissimo Rosario, la pia unione delle Figlie di Maria e la compagnia di San Luigi Gonzaga, la Pia unione della Sacra Famiglia e le Terziarie francescane. La parrocchia, in realtà una vicaria, era di nomina arcivescovile.
1903 – I repertori diocesani correnti indicano nel 1903 la data di ricostruzione pressoché globale dell’edificio sacro, ad eccezione del campanile (Guida della Diocesi di Milano). Gli estremi coincidono con un’operazione volta a suggellare un percorso di autonomia nello spirituale già in atto alla fine del XIX sec., ma definitivamente concluso il 28 dicembre 1907 con l’elevazione in parrocchia di Olginasio. La chiesa fu consacrata nel 1954.
1990 – L’area dell’altare maggiore, già consacrato una prima volta nel 1965 dal card. Colombo (come da lapide interna alla chiesa), fu riformata per adeguamento ai canoni conciliari tra il 1990 e il 2000, al culmine di una serie di interventi generali al tempio: eliminazione balaustra di separazione coi fedeli; riconfigurazione della piattaforma rialzata del presbiterio; posa di mensa centrale. Dal 1991 campeggia nel catino absidale un ‘Cristo Pantocratore’ su fondo oro dipinto da Lina Delpero.

Nei dintorni

Besozzo - Via Indipendenza, 1 - VA - 21023
Besozzo - Via Roma Besozzo Inferiore - VA - 21023
Bregano - Via al Santuario, 36 - VA - 21020
Sangiano - Via 4 Novembre 2 - VA - 21038
Sangiano - Via Giovanni XXIII, 1 - VA - 21038
Chiesa dei Santi Martiri Alessandro e Tiburzio (Besozzo)
Besozzo - Via Indipendenza, 1 - VA - 21023
Chiesa di Sant’Anna (Besozzo Inferiore, Besozzo)
Besozzo - Via Roma Besozzo Inferiore - VA - 21023
Chiesa di Santa Maria Assunta (Bregano)
Bregano - Via al Santuario, 36 - VA - 21020
Chiesa della Madonna del Rosario (già Sant’Andrea) (Sangiano)
Sangiano - Via 4 Novembre 2 - VA - 21038
Chiesa di Sant’Andrea Apostolo (Sangiano)
Sangiano - Via Giovanni XXIII, 1 - VA - 21038