Chiesa di San Biagio Vescovo e Martire (Castelbelforte)

Diocesi di Mantova - chiesa parrocchiale - Lombardia

Castelbelforte - Via G.Rossi, 2 - MN - 46032

0376/42008

Le informazioni riportate, in tutto o in parte, sono riprese da BeWeb, la banca dati dell’Ufficio Nazionale per i beni culturali ecclesiastici e l’edilizia di culto della CEI , implementata dalle diocesi e dagli istituti culturali che hanno concluso il rilevamento e la descrizione del patrimonio sul proprio territorio. Quanto pubblicato è da intendersi work in progress e pertanto non esente da eventuali suggerimenti per essere migliorato e reso più efficace.

XIX – L’altare maggiore è stato trasportato dalla vecchia chiesa, è del XVIII secolo e di buona fattura con marmi pregiati.
1841 – Il 23 agosto 1841 su progetto dell’ingegner Brilli di Cremona si iniziano i lavori di scavo per la costruzione della nuova chiesa parrocchiale, a seguito bloccati nel 1844 per esaurimento dei fondi.
1855 – I lavori di costruzione riprendono mantenendo il progetto dell’ingegner Brilli.
1856 – Viene demolita la vecchia chiesa per usufruire dei materiali per la nuova.
1862 – La costruzione della chiesa è conclusa e collaudata il 18 agosto 1862.
1868 – La costruzione del campanile è conclusa.
1880 – La chiesa è arricchita di un nuovo monumentale altare dedicato alla B. V. del Rosario, opera del marmista Giuseppe Matteo Rosini di Verona.
1897 – Viene inaugurato il nuovo altare monumentale del S. Cuore, opera del marmista Vittorio Ferrari di S. Ambrogio di Valpolicella e su disegno dell’ingegner Alberto Capilupi.
1929 – Ad agosto viene inaugurata la nuova canonica, fatta edificare dal parroco don Guido Lui.
1939 – Viene rinnovato il battistero con pavimento e pareti in marmo, affresco del pittore Dal Prato, soffitto stile impero, finestra di vetri artistici colorati.
1940 – L’altar maggiore viene dotato di una nuova balaustra in marmo opera di un marmista di S. Ambrogio di Valpolicella (VR).
1952 – Tutta la chiesa viene decorata, con dipinti a catino ed alla cupola dei pittori Resi e Miolato. La finestra è rinnovata con telai in ferro e vetri di calacatta di Carrara.
1954 – Viene rinnovato il tetto della chiesa.
1958 – Viene posizionata una nuova cancellata con sovrastante statua della B. V. Maria di Fatima in pietra di Vicenza, sul lato destro della chiesa.
1961 – Dopo aver acquistato il terreno viene costruito l’oratorio.
1963 – E’ installato l’impianto di riscaldamento dell’oratorio e della chiesa ad opera di una ditta veronese.
1972 – Viene messa una nuova grande vetrata di vetri colorati da una ditta veronese, con immagine di S. Biagio, sulla facciata della chiesa.
1973 – Ristrutturazione del tetto della chiesa con sostituzione delle tegole mantovane della cupola con eternit.
1974 – Decorazione con tinta inalterabile di tutta la facciata della chiesa da parte di una ditta del luogo.
2012 – La canonica viene restaurata e ne viene fatto un consolidamento strutturale.