Chiesa della Madonna delle Nevi (Graglio, Maccagno con Pino e Veddasca)

Diocesi di Milano - chiesa sussidiaria - Lombardia

Maccagno con Pino e Veddasca - Loc.Forcora - VA - 21061

0332/558025

Le informazioni riportate, in tutto o in parte, sono riprese da BeWeb, la banca dati dell’Ufficio Nazionale per i beni culturali ecclesiastici e l’edilizia di culto della CEI , implementata dalle diocesi e dagli istituti culturali che hanno concluso il rilevamento e la descrizione del patrimonio sul proprio territorio. Quanto pubblicato è da intendersi work in progress e pertanto non esente da eventuali suggerimenti per essere migliorato e reso più efficace.

1785 – Il 6.VI.1791 il parroco di Graglio (oggi frazione montana del comune di Maccagno con Pino e Veddasca), Giovanni Contini, richiese alla curia di Milano il permesso per benedire l’oratorio da lui fatto “ristorare” nella località d’alpeggio, a una quota di oltre 1150 m; allo scopo, specificava che l’edificio era destinato alla “divotione ne tempi estivi”, ossia durante il pascolo stagionale delle greggi, e di avere puntualmente “exornato” e “fornito delle opportune suppellettili” l’unico altare dedicato alla Madonna. In origine, probabilmente, si trattava di una semplice cappella aperta e saltuariamente officiata, poiché nella visita del 1748 del card. Giuseppe Pozzobonelli non se ne era fatta menzione. Il progetto era stato presentato agli uffici diocesani già nel 1785.
1845 – Nel 1845 l’oratorio alpestre fu sottoposto a un primo, consistente intervento di ampliamento. L’entità dei lavori non è chiara, nè è possibile un confronto dimensionale con la chiesa settecentesca preesistente. Pare possibile concludere, tuttavia, che a seguito di questi lavori l’edificio fosse portato alle dimensioni originarie, ossia al limite dell’attuale facciata (escluso il portichetto). Rimase inalterata l’impostazione, di oratorio a navata unica con presbiterio a pianta quadrata.
1845 – Poco documentato è anche l’intervento di un giovane Antonio Ciseri che, secondo alcune fonti, sarebbe stato incaricato di affrescare sull’altare maggiore un omaggio alla Madonna con Gesù bambino affiancata dai santi Rocco e Sebastiano. La data dell’intervento dovrebbe coincidere con quella dei lavori patrocinati nel 1845, quando Antonio Ciseri avrebbe avuto circa 24 anni. Per la presenza dei due santi tradizionalmente invocati contro le pestilenze, vien da pensare che l’origine dell’affresco possa essere riferita al morbo (colera) che imperversò anche tra Verbano e Piemonte nel 1836.
1903 – Tra il 1903 e il 1904 il parroco di Graglio, don Giulio Marchioni, intervenne dotando la chiesetta di una sacrestia, sino allora mancante, e di un portichetto in facciata, utile riparo dalle intemperie.
1954 – Tra il 1954 (rifacimento tetto e elevazione del campanile) e 1967 la chiesa assunse la veste definitiva. Entro quelle date, infatti, si colloca anche la scelta di dedicare l’edificio a sacrario della divisione partigiana Garibaldi (l’unico in Italia). Allo scopo, il portichetto d’ingresso (opportunamente riformato e chiuso di vetrate) fu progressivamente decorato con iscrizioni e lapidi con nomi e luoghi dei combattenti.

Nei dintorni

Itinerario
Milano
10,00€
viale Marco da Campione, 48– Campione d’Italia CO
Visita guidata
Varese
28,00€
Santuario di Santa Maria dei Ghirli (Campione d’ Italia)
viale Marco da Campione, 48– Campione d’Italia CO