Chiesa di San Martino Vescovo (Borgarello)

Diocesi di Pavia - chiesa parrocchiale - Lombardia

Borgarello - PV - 27010

Le informazioni riportate, in tutto o in parte, sono riprese da BeWeb, la banca dati dell’Ufficio Nazionale per i beni culturali ecclesiastici e l’edilizia di culto della CEI , implementata dalle diocesi e dagli istituti culturali che hanno concluso il rilevamento e la descrizione del patrimonio sul proprio territorio. Quanto pubblicato è da intendersi work in progress e pertanto non esente da eventuali suggerimenti per essere migliorato e reso più efficace.

1395 – L´esistenza di una chiesa, indizio della presenza di una comunità organizzata di fedeli, trova conferma in un atto del 1395 maggio 23 in cui Guglielmo Centuario, vescovo di Pavia, in considerazione della morte del precedente rettore Giovanni Bastoni, nomina Lorenzo Bastoni, figlio di Andrino, rettore della chiesa di Borgarello.

1561 – La chiesa non aveva volte in muratura, bensì una copertura con capriate lignee a due spioventi, il presbiterio era una sorta di cappella piccola, con la parete absidale affrescata. La chiesa era affiancata da un campanile.
1580 – La chiesa risultava ampliata e dotata di una cappella abbastanza ampia e copertura in volta, trattandosi della zona absidale e presbiteriale.
1600 – La chiesa ha subito delle trasformazioni piuttosto significative dalle origini ai nostri giorni, non solo per quanto riguarda gli spazi interni, ma anche quelli esterni più prossimi. Un´idea sufficientemente chiara di come potesse essere formato l´ambiente interno e quello immediatamente circostante nel secolo XVII e probabilmente anche nella seconda metà del secolo precedente, la ricaviamo attraverso l´accurata descrizione del curato Gio. Battista Bennerio nel 1626 giugno 28.
Vi si legge che l´edificio soffittato è a una sola navata, e confina a S con il cimitero cinto su due lati (SE) da un muro, a N con la casa del parroco con cantinino, comunicante con il campanile a una sola campana attiguo alla chiesa nell´ angolo di NE. A tergo della chiesa lo spazio è occupato da un prato. La descrizione della parte interna colloca l´unico altare in legno d´Albera presente verso mattino ( la posizione è equivalente quindi a quella di un altare maggiore).

1668 – L’edificio collassò a causa della fatiscenza della copertura, costituita da un tetto a due falde e da un soffitto piano in legno. Nel crollo la copertura aveva trascinato con sé la parte superiore della facciata.
1685 – Non abbiamo una data precisa di inizio lavori però possiamo desumere importanti elementi da un inventario del 1685 in cui si legge che i muri della chiesa sono già stati sopralzati ed erano stati costruiti i semipilastri interni.
1690 – I lavori si conclusero con la costruzione delle volte e della nuova facciata.
1700 – Ad una fase successiva risale l’allungamento della chiesa verso levante, intervento che determina la costruzione del nuovo presbiterio e dell’abside pentagonale, insieme all’arretramento del campanile a fianco del presbiterio.

Nei dintorni

Visita guidata
Pavia
59,00€
Pavia - Piazza San Lanfranco - PV - 27100
Pavia - Via Don Minzoni - PV - 27100
Basilica di San Lanfranco Vescovo (Pavia)
Pavia - Piazza San Lanfranco - PV - 27100
Chiesa di Nostra Signora di Lourdes (Pavia)
Pavia - Via Don Minzoni - PV - 27100