1958 – La chiesa di San Giuseppe e la casa parrocchiale, vennero edificate in soli otto mesi tra il marzo e l’ottobre del 1958 su disegno dell’architetto Antonello Vincenti, nel quartiere denominato Borgomisto, così chiamato per l’eterogeneità dei suoi abitanti. Anche la sua dedicazione trova un legame territoriale e sociale, gli abitanti del quartiere all’epoca della sua fondazione erano infatti prevalentemente semplici e modesti lavoratori per lo più operai. Il progetto per l’edificio sacro venne concepito come un’architettura ampliabile, cercando di dare una compostezza funzionale ed estetica ad un’opera che non era completa. Venne inaugurata e benedetta il 28 ottobre del 1958 e affidata a don Giocondo Cattaneo che la condusse per più di un ventennio.
1973 – A seguito dell’incremento demografico la chiesa di San Giuseppe, viene sottoposta ad un intervento di ampliamento. L’edificio era già stato concepito dal Vincenti come una struttura facilmente ampliabile nella direzione longitudinale, rimuovendo l’altare e abbattendo semplicemente la parete absidale e aggiungendo due sole campate. Purtroppo, a causa dell’avvenuta costruzione dell’oratorio e della scuola materna, edificata a ridosso della zona absidale ciò non fu possibile si procedette pertanto ad un intervento che sacrificò il piano terra del corpo di fabbrica dell’oratorio per ampliare l’edificio sacro, con il conseguente innalzamento dell’altare. I lavori vennero realizzati tra il 1973 e il 1974.
2011 – Nel 2011 venne realizzata una nuova pavimentazione in piastrelle di gres di grande formato nei colori del rosso e del grigio, contestualmente venne realizzato un nuovo impianto di riscaldamento a pannelli radianti.
2014 – Nel 2014 la parrocchia intraprese l’opera di ristrutturazione del sagrato, realizzando una nuova pavimentazione in mattonelle di porfido, divisa in tre campiture di cui la centrale in porfido e bindelli di granito che ne definiscono il percorso e le due laterali in solo porfido. Nella campitura di sinistra è ricavata un’aiuola, in cui trova posto un ulivo. Venne inoltre realizzata la rampa per l’abbattimento delle barriere architettoniche d’accesso allo spazio sacro e la recinzione con passo carrabile che ne definisce la proprietà.
2016 – Nel 2016 la bussola interna in legno realizzata all’epoca della costruzione dell’edifico sacro viene sostituita con un nuovo manufatto in metallo e vetri nei toni dei colori freddi che riprendono nelle linee geometriche la grande vetrata di facciata soprastante.

Nei dintorni

Cinisello Balsamo - Piazza A.Gramsci, 1 - MI - 20092
Cinisello Balsamo - Via S.Paolo, 18 - MI - 20092
Muggiò - P.zza S.Giuseppe 5 - MI - 20053
Paderno Dugnano - Via Vivaldi 7 - MI - 20037
Sesto San Giovanni - Via Saint Denis 215 - MI - 20099
Chiesa di Sant’Ambrogio (Cinisello Balsamo)
Cinisello Balsamo - Piazza A.Gramsci, 1 - MI - 20092
Chiesa di San Martino (Cinisello Balsamo)
Cinisello Balsamo - Via S.Paolo, 18 - MI - 20092
Chiesa di San Giuseppe (MUGGIO’)
Muggiò - P.zza S.Giuseppe 5 - MI - 20053
Chiesa di Maria Immacolata (Paderno Dugnano)
Paderno Dugnano - Via Vivaldi 7 - MI - 20037
Chiesa di San Giovanni Bosco (Sesto San Giovanni)
Sesto San Giovanni - Via Saint Denis 215 - MI - 20099