Parrocchiale di Sant’Antonino Martire


You are here:
Piazza I Maggio, 6 - Brescia, Concesio

Descrizione

La facciata della chiesa, si articola in due ordini dei quali il primo è tuscanico ed il secondo doveva essere probabilmente corinzio, ma la decorazione in stucco non venne eseguita. Per il suo gusto, per la severità e la semplicità, la facciata è attribuita al Marchetti. La porta principale è rimasta incompiuta ed ora sul semplicissimo architrave si legge la scritta: “D.O.M. ET D.vo ANTONINO M.I.”. La cornice della grande finestra centrale è invece originale. L’architrave della porta del lato meridionale reca la seguente iscrizione: “D.O.M. 1681 DOMVM DEI DECET SANCTITUDO RESTAURATA 1862”.
Portandoci sul lato sinistro, subito incontriamo il primo altare che è oggi dedicato al SS. Crocifisso. Entro una cornice troviamo un maestoso “Cristo spirante”, opera stupenda di Daniele Olmi datata 30 marzo 1733. Sotto è collocato l’altare, pregevole opera lignea anch’essa del ‘700, che simula un vero e proprio altare in marmo; è dotato di un bel paliotto in legno intagliato e, al centro in un vistoso dipinto, troviamo l’immagine di S. Lorenzo, diacono, che tiene in mano la graticola, simbolo del suo martirio.

Curiosità

La pala dell’altare maggiore rappresenta il martirio di S. Antonino, è stata recentemente restaurata. Il dipinto dai recenti studi effettuati, viene attribuita al pittore bolognese Giovanni Gioseffo Dal Sol, databile tra la fine del 1600 e gli inizi del 1700. (1681?) Ai lati del quadro vennero scoperte nel novembre 1962 le figure delle due virtù, affrescate dallo Scalvini. Il presbiterio è stato decorato nel 1908. Nella vela del presbiterio tra l’agosto e il dicembre 1962 il pittore Vittorio Trainini raffigurava S. Antonino in gloria coprendo i peducci della vela, e altri d’affreschi dipinti dallo Scalvini. Sempre lo stesso Trainini provvedeva nel 1963 alla decorazione di tutta la chiesa con motivi ornamentali a colori freddi.