Casa Certosina di Vigano


You are here:
2° DOMENICA di ogni mese (eccetto AGOSTO) || PERIODO INVERNALE OTT - APR: 10.00 - 16:00 || PERIODO ESTIVO MAG - SET: 10.00 - 17.00
Piazza San Brunone, Vigano, Gaggiano (MI)

Descrizione

La casa certosina
La Certosa di Vigano è uno storico edificio che, dal 1400 circa al 1769, faceva parte di un complesso di abitazioni amministrate, e in parte abitate, dai monaci certosini. Dopo la soppressione degli ordini religiosi, voluta da Maria Teresa d’Austria, le proprietà dei certosini andarono disperse tra i privati. I segni della presenza dei certosini a Vigano, sono ancora visibili oggi all’interno della casa abitata dall’Associazione Mambre: una sala capitolare e una cappella affrescata nel 1578, ad opera dei figli di Bernardino Luini, Aurelio e Giovan Pietro. Questi luoghi, valorizzati da un attento restauro, sono tuttora destinati dall’Associazione alle proprie attività. Fanno da contorno una grande abitazione in cui trovano alloggio, oltre alle famiglie residenti dell’associazione, alcuni ospiti temporanei, e una corte dove nella stagione primaverile si organizzano iniziative culturali. Un vasto giardino ispirato al modello dell’hortus conclusus medievale completa l’insieme.

L’oratorio si S. Ippolito
La cappella (Oratorio di Sant’Ippolito), restaurata nel 2008, è decorata con dipinti del 1578 ad opera dei figli di Bernardino Luini, Aurelio e Giovan Pietro.
Le scritte Gra Car testimoniano la committenza dei Certosini. Oltre a rappresentazioni riguardati la vita del Santo al quale l’oratorio è dedicato, numerosi sono i riferimenti alla vita dei monaci e al suo Santo fondatore, San Brunone.
Degno di nota è anche il soffitto ligneo a cassettoni, dipinto probabilmente a tempera, e riccamente decorato.
La parte inferiore della cappella fu usata al tempo della dominazione napoleonica come sede del Corpo di Guardia, come testimonia l’iscrizione e lo stemma napoleonico ancora ben visibili in piazza San Brunone.

I giardini
Si tratta di un giardino di nuova costruzione la cui realizzazione si è conclusa nel 2005.
Dell’antico giardino dei religiosi non vi è più alcuna traccia. Il nuovo giardino sorge ora su quel terreno che anticamente era destinato all’orto e al frutteto dei monaci della Certosa, abbandonato poi per molti anni. Il giardino è stato progettato partendo da una riflessione sul modello dei giardini medievali e si inserisce perfettamente in un ambiente che riporta al passato e all’epoca dei sistemi delle certose del pavese facendo rivivere lo spirito di quell’epoca lontana.
Tra pareti di verde innalzate per creare stanze appartate e intime, tra pergolati, graticci, aiuole e sentieri silenziosi, ci si trova a camminare in un meraviglioso hortus conclusus arrivato fin qui dal Medioevo.

VISITE ALLA CASA CERTOSINA E ALLA PARROCCHIALE DI VIGANO CERTOSINO (GAGGIANO)
9 settembre 2018
14 ottobre 2018
11 novembre 2018
9 dicembre 2018
13 gennaio 2019
10 febbraio 2019
10 marzo 2019
14 aprile 2019
12 maggio 2019
9 giugno 2019
14 luglio 2019

Per prenotazioni: info@mambre.it
VISITA GRATUITA*
*Si chiede una libera donazione all’Associazione Mambre – Onlus di accoglienza per famiglie disagiate che gestisce il sito.

Curiosità

Nell’oratorio di S. Ippolito, sulla parete dove era sistemato l’altare, non dipinta, si trovava una pala riproducente nel mezzo la Vergine col bambino, a destra S. Sebastiano e a sinistra S. Rocco. L’autore fu identificato come Ambrogio da Fossano da uno studioso d’arte milanese, Girolamo Luigi Calvi che fu a lungo proprietario di un possedimento a San Vito di Gaggiano.